Sindacato a rete

Vincenzo Moretti e Rosario Strazzullo

1. Partiamo da un dato di fatto. Negli ultimi anni il sindacato ha svolto nel nostro Paese un ruolo importante. Due esempi per tutti : l’accordo del 23 luglio, con il sistema di relazioni sindacali là definito, e l’accordo sulle pensioni.
Sono stati anni in cui il sindacato, nonostante i molti problemi, ha rappresentato un’evidente anomalia rispetto ad un sistema politico in rovinosa crisi.
Ma il vento sta cambiando. Mentre la politica tenta di rifare i conti con se stessa e coi problemi del Paese, il sindacato segna il passo.
Gli esiti dei referendum sindacali sono stati rapidamente rimossi e non sono stati affrontati con il piglio giusto i due temi che avrebbero potuto consentire di reggere l’iniziativa al livello precedente :l’unità sindacale e il Mezzogiorno.

2. Forse dovrà cambiare radicalmente l’approccio. Forse è sbagliato continuare a pensare, da Roma, di irradiare il verbo sindacale verso le periferie. Che a loro volta pensano di poter arginare il diluvio documentale scegliendo, ad esempio, di fare dei congressi il luogo in cui parlare, se va bene, dei propri problemi particolari e, se va male, di ciò che gli pare.
Se dunque si provasse a mettere al centro le realtà territoriali?
Dato che a questi livelli si stanno spostando poteri, definendo problemi, ricercando nuove soluzioni?
Non si tratta solo di invertire il rapporto tra centro e periferia.
Ma di costruire una struttura a rete in cui i punti di direzione sono diffusi nel territorio, sono in grado di definire scelte e obiettivi anche senza la mediazione di Roma, di ripensare i caratteri ed i contenuti del sindacato confederale unitario.
Ci si può riferire a più cose. In politica al federalismo. In economia ai distretti industriali. Nella comunicazione a Internet.

3. Un programma non può limitarsi alla elencazione di cose da fare.
Esso richiede che si combinino idee-forza, valori capaci di suscitare speranze e attese positive e l’indicazione di soluzioni concrete.
E’ quello che il sindacato ha saputo fare con la vicenda delle pensioni.
E’ quello che è indispensabile fare con il lavoro, il mezzogiorno, l’unità sindacale.
Ad esempio utilizzando appieno, contestualmente alla costruzione dell’Europa monetaria, le indicazioni contenute nel piano Delors sulle nuove infrastrutture tecnologiche e sulla formazione.
Spostando a livello locale politiche, risorse e strumenti per la creazione d’impresa.
Potenziando il sistema di relazioni sindacali e contrattuali a livello territoriale.
Va promosso, insomma, un nuovo protagonismo del sindacato delle città e delle regioni.
Sulla capacità dei livelli locali di individuare problemi e trovare soluzioni, di affermare autonomia ed esercitare responsabilità, si può credibilmente formare una nuova leva di dirigenti sindacali. E provare a dare un nuovo impulso alla costruzione del sindacato unitario.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...