Uno, doje, tre e quattro e Cinzia Massa

Ho letto il libro, l’ho assaporato nelle sue innumerevoli sfaccettature, ne ho seguito i racconti e di volta in volta mi sono sentita Carmela, Daniele, Viviana, Vincenzo.
Sì perché attraverso la lettura di Uno, doje, tre e quattro, ti senti catapultata in un salotto , comodamente seduta tra 4 amici. E li ascolti, e rifletti, mentre i discorsi ti conducono su temi diversi. Come l’amicizia, quella reale e quella virtuale, quella in cui ci si vede e ci si tocca, e quella che attraverso il taggarsi ti regala emozioni, conoscenza, ti solleva e ti consola. Come i ricordi, quelli che ci segnano, quelli che non si staccano, quelli dolorosi ma anche ricchi di gioia, cibo, profumi e gite in compagnia. E mentre ci si perde tra i giochi con le parole, la lettura ti conduce alla regole, all’ordine e al disordine delle nostre città, della nostra Italia. Si parla di nord e sud e ti accorgi che il cambiar una vocale al passo manzoniano “quel ramo del lago di Como” diviene “quel ramo del lago di Cuma” l’unica differenza resta il pensarsi diversi e lasciare che così vadano le cose. Si poteva non parlare di lavoro? No. Ecco il lavoro con la L maiuscola, quello di uomini che fanno “le cose per bene perché è così che si fa”, e si parla di merito e di talento, della ricerca che in Italia non c’è e dei giovani che vanno via. E poi ancora sono le radici a farci sentire parte di un pezzo della vita degli autori, quelle radici che ci ancorano alla terra, alla famiglia, agli amori e alla storia.
E mentre le parole scorrono, ti senti scardinare i pensieri, fuoriescono suggestioni, pulsioni e, perché non dirlo, a volte anche una lacrima, di commozione, di riso, perché Uno, doje, tre e quattro è l’anima di ciascuno di noi, che ride e piange, scalpita, si arrabbia e poi si placa, in una parola vive.

Annunci

4 Replies to “Uno, doje, tre e quattro e Cinzia Massa”

  1. grazie Cinzia, sei meravigliosa… e più voi recensite/commentate/criticate/partecipate e più io scopre cose nuove del libro, che pur scrivendolo non avevo visto… lo riscopro con voi, attraverso le vostre parole. Ritrovo ogni emozione vissuta nel crearlo e ne imparo delle nuove… grazie, immensamente grazie.

    1. Rataplàn, tambur io sento
      Che mi chiama alla bandiera
      Oh che gioia, oh che contento
      Io vado a guerreggiar.

      Rataplàn, non ho paura
      Delle bombe e dei cannoni
      Io vado alla ventura
      Sarà poi quel che sarà.

      E la bella Gigogin
      col tremille-lerillellera
      La va aspass col so spingin
      Col tremille-relillellà.

      Di quindici anni facevo all’amore
      Daghela avanti un passo
      Delizia del mio cuore.
      A sedici anni ho preso marito
      Daghela avanti un passo
      Delizia del mio cuore.
      A diciassette mi sono spartita
      Daghela avanti un passo
      Delizia del mio cuor.

      La ven, la ven, la ven a la finestra
      L’è tutta, l’è tutta, l’è tutta insipriada
      La dis, la dis, la dis che l’è malada
      Per non, per non, per non mangiar polenta
      Bisogna, bisogna, bisogna aver pazienza
      Lassala, lassala, lassala maridà.

      Le bacia, le baciai il bel visetto
      Cium, cium, cium
      La mi disse, la mi disse oh che diletto !
      Cium, cium, cium
      La più in basso, la più in basso c’è un boschetto
      Cium, cium, cium
      La ci andremo, la ci andremo a riposar.

      Ta-ra-ta-ta-ta-tam.

      NEL LINK ADDIRITTURA AMALIA RODRIGUES!: http://www.youtube.com/watch?v=Dbc-_qbL1n0

  2. Grazie, Cinzia. Ho sempre sott’occhio il tuo cornetto, un modo di ricordare quel pomeriggio e quella serata così intensi in cui l’@micizia è diventata Amicizia. Bella l’immagine del salotto: è proprio così.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...